Close

Social

NUTRIFAD

NUTRIFAD

NUTRIFAD

NUTRIFAD

Chi sono

Federica Fadda, Biologa Nutrizionista

Esperta nel trattamento nutrizionale di:
Patologie autoimmuni
Patologie oncologiche
Atleti e sportivi

Vai al profilo
Di cosa mi occupo

Elaboro insieme al paziente un percorso nutrizionale personale ed unico, che porterà non solo a normalizzare il proprio peso ma a migliorare il proprio rapporto con il cibo sotto tutti gli aspetti

Servizi
Chi è il Biologo Nutrizionista

incontra sempre maggiore consenso nella società di oggi, divenendo un punto di riferimento per i cittadini che vogliono migliorare lo stato di salute e di benessere o trovare nella giusta dieta il supporto nutrizionale fondamentale per numerose patologie ancorchè già in trattamento terapeutico/farmacologico.

Le spese sostenute per visite nutrizionali eseguite da biologi sono detraibili fiscalmente  ai sensi dell’art. 15 del  TUIR anche senza la prescrizione Medica

Scopri di più su onb.it
Servizi

Il percorso nutrizionale si articola in:

Prima visita: con rilievi antropometrici, anamnesi, rilascio piano alimentare provvisorio (ed entro pochi giorni di quello personale)

Visite di controllo: monitoraggio della situazione ed aggiustamenti al piano alimentare dove necessari


Offro anche: rilievo bioimpedenziometrico (ideale per il monitoraggio dello sportivo), teleanamnesi e diario alimentare tramite APP, consigli tramite Telegram/WhatsApp, “facciamo la spesa insieme”, “S.O.S. Studente: cosa mangio?”, incontri di approfondimento tematico, servizi per strutture su HACCP e Ristorazione collettiva

Leggi tutto...
Prossimi Eventi
  • Per adesso non ci sono eventi in calendario

Vedi tutti gli eventi

Le News in Evidenza

Il libro del mese

Il secondo cervello.

“Il secondo cervello” di Michael D. Gershon

Agosto, mese di caldo e di relax. Impariamo anche a far rilassare il nostro intestino; questo mese vi propongo questo libro molto interessante che descrive come l’intestino possa avere un ruolo importante nelle nostre “reazioni emotive”. Buona lettura!

Di cosa parla il libro:

“Sappiamo che, per quanto il concetto possa apparire inadeguato, il sistema gastroenterico è dotato di un cervello. Lo sgradevole intestino è più intellettuale del cuore e potrebbe avere una capacità “emozionale” superiore. È il solo organo a contenere un sistema nervoso intrinseco in grado di mediare i riflessi in completa assenza di input dal cervello o dal midollo spinale.” Il sistema nervoso enterico è una curiosità, un residuo che abbiamo conservato da nostro passato evolutivo. Di certo, non suona come qualcosa che possa attirare l’interesse di tutti, invece dovrebbe. Un sistema nervoso enterico è presente in ciascuno dei nostri predecessori nel corso di milioni di anni di storia dell’evoluzione che ci separa dal primo animale dotato di spina dorsale. Esso è un centro di elaborazione dati moderno e pieno di vita che ci di portare a termine alcuni compiti molto importanti e spiacevoli senza alcuno sforzo mentale.

L’autore:

Michael D. Gershon responsabile del Dipartimento di Anatomia e Biologia cellulare della Columbia University, autore di innumerevoli pubblicazioni scientifiche, è considerato uno dei padri della neurogastroenterologia.

Le mie ricette

Zuppetta di fine estate

Zuppetta di fine estate – Fiocchi di latte e pomodori maturi

Complice il tempo uggioso di oggi e l’abbassamento delle temperature è naturale iniziare a ricercare alimenti caldi. Oggi ho deciso di fare un piccolo esperimento in cucina. Ho preso due bei pomodori maturi, li ho tagliati a pezzi e fatti saltare in padella con un po’ di erba cipollina e di origano, sfumando con un pochino d’acqua. A cottura ultimata ho aggiunto i fiocchi di latte. Quello che ho ottenuto è stato un piatto inaspettatamente buono e bello, una sorta di zuppetta colorata e saporita.

Ma cosa sono i fiocchi di latte?

Si tratta di un prodotto caseario prodotto dalla cagliata di latte scremato e pastorizzato. Si ottiene una piccola parte di caglio ed un’elevata parte di fermenti lattici. A questo punto la cagliata viene fatta riposare fino al raggiungimento di un pH di 4,8, quindi cotta, lavata e fatta raffreddare. Per la creazione dei fiocchi vengono utilizzati degli addensanti come la farina di carrube. Spesso viene aggiunta panna per una buona aromatizzazione ma questo incrementa molto i livelli dei grassi. Attualmente i fiocchi di latte maggiormente commercializzati sono quelli poveri di grassi (light) a cui non viene quindi aggiunta panna. Hanno un ottimo apporto proteico e contengono sia caseine che proteine del siero. Grazie al buon apporto proteico e al basso contenuto di grassi, sono utilizzabili anche in caso di diete finalizzate al dimagrimento o che necessitino di un basso apporto di grassi saturi e colesterolo.